Navigando in questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni. OK, ho capito.










Commodity update

di Massimo Siano

Update 12/10/2017 PDF Stampa E-mail

Gli investitori mantengono un posizionamento difensivo anche se si attenuano le incertezze geopolitiche

di Massimo Siano, Head of Southern Europe per ETF Securities


  • Dopo un mese tumultuoso per l’oro, la recente debolezza dei prezzi ha stimolato afflussi pari a 148 milioni di USD nell’ultima settimana.
  • Le posizioni nei metalli industriali continuano a ridursi, segnando nella settimana deflussi per 45 milioni di USD.
  • Gli ETF azionari tematici sulla robotica e sulla sicurezza informatica hanno continuato a registrare afflussi costanti durante la settimana, rispettivamente pari a 25 e 3 milioni di USD.
  • Alla luce del recente vigore del prezzo del cacao, questa settimana gli investitori hanno operato prese di beneficio per 9 milioni di USD.

Dopo un mese tumultuoso per l’oro, la recente debolezza dei prezzi ha stimolato afflussi pari a 148 milioni di USD nell’ultima settimana, ai quali si aggiungono ulteriori 16 milioni di USD raccolti da altri metalli preziosi. Nel corso del mese, mentre proseguivano gli afflussi su altri metalli preziosi, l’oro in particolare ha subito un clima negativo, derivante a nostro avviso dalla sua rilevanza nel settore come bene rifugio. Di fronte all’assenza di nuovi indizi di turbolenza dal fronte geopolitico, si è raffreddato il prezzo del metallo giallo che molti investitori considerano una copertura dal rischio. Al contempo, il mercato continua a focalizzarsi su un rialzo dei tassi Fed a dicembre, dato per scontato con una probabilità dell’80%. Predictit.org rimarca inoltre come molto probabile che a sfidarsi per l’incarico di nuovo governatore della Fed saranno Kevin Warsh, attualmente favorito dai pronostici, e Jerome Powell. Il primo è considerato fautore di una politica monetaria più intransigente rispetto a Janet Yellen, mentre Jerome Powell condivide con l’attuale governatore una visione più conciliante. “Crediamo che la prospettiva di un rialzo dei tassi e di un governatore più aggressivo inciderà sui prezzi dell’oro nel corso dei prossimi mesi”, ha dichiarato Massimo Siano, Executive Director – Head of Southern Europe di ETF Securities.

Le posizioni nei metalli industriali continuano a ridursi, segnando nella settimana deflussi per 45 milioni di USD che fanno salire a 174 milioni di USD i disinvestimenti nel mese. I prezzi dei metalli industriali hanno raggiunto livelli importanti quest’anno, arrivando a segnare rialzi medi del 22%. Anche questa settimana il mercato non ha deluso, con una performance del 3% grazie ai dati manifatturieri positivi negli Stati Uniti e ai ridotti volumi di scambi con la Cina per via della Settimana d’oro. I deflussi si sono concentrati soprattutto sul rame (34 milioni di USD nella settimana) e nell’ampio paniere dei metalli industriali. Il nickel, quest’anno fanalino di coda in termini di performance, ha registrato afflussi per 6 milioni di USD nella settimana. Continuiamo a prevedere una correzione per i metalli industriali poiché il rally in corso è minacciato dalle forti dinamiche positive attuali. Storicamente, i periodi caratterizzati da bruschi incrementi dei volumi in Cina sono stati seguiti da una correzione. Queste correzioni rappresentano solitamente un’occasione per liberarsi delle operazioni opportunistiche e permettono al mercato di puntare l’attenzione sui fondamentali. Dati i pesanti tagli alla spesa per investimenti degli ultimi anni, continuiamo a rilevare un aumento dei disavanzi. “Anche se la spesa per investimenti dovesse ripartire prossimamente, l’esplorazione e lo sviluppo delle miniere richiederebbero comunque tempi lunghi. Prevediamo un’offerta ancora limitata e un mercato verosimilmente in squilibrio nel breve periodo”, ha aggiunto Siano.

“Gli ETF azionari tematici sulla robotica e sulla sicurezza informatica hanno continuato a registrare afflussi costanti durante la scorsa settimana, rispettivamente pari a 25 e 3 milioni di USD”, ha spiegato Siano. “Alla luce del recente vigore del prezzo del cacao, aumentato del 7,8% negli ultimi mesi, gli investitori hanno operato prese di beneficio per 9 milioni di USD durante questa settimana,” ha concluso Siano.

 

una giornata - Corso "Gestire il rapporto con le banche"
una giornata - Corso
due giornate - Corso "Gestire il rapporto con le banche"
due giornate - Corso