Navigando in questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni. OK, ho capito.

Il messaggio più autenticamente politico e profondamente eversivo che esista: stimatevi


«In tempi che ci piace immaginare civili, bruciavano le biblioteche o le streghe, usavano il Partenone come deposito di esplosivi, schiacciavano vite come mosche nella follia di guerre, e spazzavano via popoli interi per farsi un po' di spazio. Erano spesso persone che adoravano la profondità. La superficie è tutto, e in essa è scritto il senso. Meglio: in essa siamo capaci di tracciare un senso».

Alessandro Baricco, Il nuovo Barnum

Avete letto, suppongo piuttosto velocemente, come oggi si è soliti fare, un frammento dell'ultimo libro di Baricco, un frammento che se lo capisci ti schiude le porte di quanto finora non avevi capito: la fiducia in se stessi, che è poi il presupposto necessario della capacità e della volontà di fare, della reale facoltà di autodeterminarsi un futuro, ha il suo tratto distintivo, il suo suggello, nell'attribuzione di un significato alle cose. La composizione, dunque, la giustapposizione, e non lo scavo.

Per quanto vi allunghino il brodo, tutte le misteriosofie e gli insegnamenti iniziatici del mondo vi conducono a questo: ad abbandonare un determinato sistema simbolico, qualunque esso sia, per fare del mondo intero una baudelairiana «foresta di simboli». Ed è una foresta dove non ti puoi perdere perché sei tu a tracciare il cammino che ti riporta a casa o dove vuoi andare, e ti basta uno sguardo.

Che altro è, del resto, un maestro se non un discepolo cui si è di colpo resa incontrovertibilmente visibile l'assurdità di credersi tale?


alt


La superficie non è il non senso. È la possibilità di un senso diffuso ma non meno univoco che nasce dal veloce reperimento di brandelli di signficante tra le cose, come avrebbe scritto Foucault, dove le cose non sono altro che il mondo. Sto esponendo concetti astratti? No, più concretamente, più fattivamente non potrei parlare.

Venendo alla politica – perché la filosofia, se non la si declina politicamente, è inservibile a migliorare il mondo – significa che devi tracciare dei nessi semantici tra tecnicismi e spiritualità, tra sapere scientifico ed umanistico, tra pragmatismo ed idealismo, ininterrottamente, per delineare ogni volta la migliore delle soluzioni possibili.

È del tutto evidente che se ti accingi a comporre dei pezzi di un puzzle un piano su cui farlo lo devi avere. Questo piano è la tua identità, che si compone essenzialmente di due cose: la tua cultura e la tua morale, ove per morale si intenda il non venire mai meno ai propri principi, assumendo la bontà sociale degli stessi.

Oggi l'Italia è quotidianamente turlupinata da diffusione di dati inverosimili. Mi riferisco anche e primariamente alla storia della ripresa italiana, alla crescita del Pil, che è una favoletta che non significa nulla. Non lo penso solo io. Il vicepresidente della Commissione europea, il finlandese Jyrki Katainen, non più tardi di ieri ha detto che «I conti italiani non dicono la verità».

Non mi dilungo. Guardate gli stipendi medi, le tipologie contrattuali, il costo degli affitti, il costo della vita – ma quello reale non quello Istat – intendo dire, guardate quanto mensilmente vi esce dal portafoglio, e potete trarre le mie stesse conclusioni da soli.

Queste righe odierne per dirvi che cosa? Che se volete una reale ripresa del Paese in cui vivete dovete ritrovare la fiducia in voi stessi. Vi hanno insegnato a non credere più ai vostri occhi ed alla capacità demiurgica delle vostre mani. Sono stati i cattivi maestri. Che sono tutti i maestri ogni volta che andiamo a cercare la salvezza in altri da noi.

Queste righe odierne per darvi il messaggio più autenticamente politico e profondamente eversivo che esista: stimatevi.

A presto.

Edoardo Varini

(15/10/2017)

 

La politica, in età di barbarie, è coraggio. E il coraggio è «grazia sotto pressione». Non è mia la definizione: io qui non ci arrivo. È di Hemingway


Se a motivare l'occupazione delle prime pagine dei giornali da parte della politica è il suo essere amministrazione e governo della cosa pubblica, confronto di pensiero intorno a dove e come uno Stato vada condotto verso l'ultimo e prioritario fine di qualunque sistema democratico – vale a dire il maggior benessere possibile per la maggioranza della popolazione – viene da concludere che potremmo far slittare le cronache ed i commenti politici al di là delle pagine degli spettacoli e finanche dello sport.

Se ti metti a leggere seriamente delle divisioni della sinistra, delle manovre economiche di cartapesta, delle strampalate opinioni di sedicenti leader che pensano che il politicamente corretto sia l'unica cultura politica, alla Boldrini per capirci, significa che sei un idiota oppure hai del gran tempo.

Questo è un tempo di barbarie. Questo è un tempo di eroi. Ecco perché a volte nomino il coraggio, e lasciate che riporti la portentosa definizione che ne diede Hemingway, una cosa da restare a bocca aperta: «grazia sotto pressione». «Il coraggio è grazia sotto pressione». Se un giorno ti capita di scrivere una cosa così, sappi che se scrivi nella convinzione di migliorarti puoi smettere di scrivere. Una cosa più bella non saprai dirla mai.


alt


Molti anni fa anch'io scrivevo per la bellezza, e mi accorsi che se lo fai scivoli in un mondo altro, anche se non vuoi. Non so se sia vero che letteratura è un surrogato della vita, ma certo lo è dell'azione, che per me, è la vita.

«L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.», questo scrive Calvino ne Le città invisibili. Ed è anche questa una cosa strepitosa, come la definizione di Hemingway, che hai subito chiaro che se l'intelligenza è un percorso questo ne è il capolinea.

Ma come ci arrivi fino a qui? Portandoti sulle spalle la sofferenza del mondo. Capendo anche per quelli che non capiscono, amando anche per quelli che non amano ed osando anche per quelli che non osano.

È ancora possibile intendere la politica in questo modo? Io ci provo. «Grazia sotto pressione». È così, è con il coraggio che si cambiano le cose.

Vorrei dire a tutti coloro che stanno sempre a guardare il momento più opportuno per salire sul carro che certamente verranno accolti nel movimento. Ma vi entreranno, e non per mia colpa, con nessuna grazia.

A presto. 

Edoardo Varini

(14/11/2017)

 

Da Piazza Maggiore ad una nuova destra

di Edoardo Varini

Della Lega, del disastroso governo, del dovere civile.
Dettagli...

I grandi investitori

Non si diventa grandi investitori senza essere grandi uomini: è questo è il primo messaggio che ricaviamo dalla lettura del...

Dettagli...

Trattato di money management 

Il money management come scienza. Sapere quanto puntare. Per preservare... 


Dettagli...

Di virtù lira sonante

La massoneria nella sua
storia è riuscita a mettere in
comunicazione fra loro saperi, cultura...


Dettagli...

Trading Moderno

Questo libro tratta delle
due seguenti tematiche:
l’utilizzo di tecniche tradizionali “potenziate” da particolari...

Dettagli...

Candlestick Day Trading

È ideale sia per i neofiti,
sia per i trader già affermati
e i numerosi esempi, semplificano quanto
descritto con le parole...

Dettagli...

Uomini di Trading

Storie di vita e di borsa di due trader professionisti.





Dettagli...

Trading in Opzioni

L’ultimo decennio borsistico ha evidenziato il limite principale di gran parte dei prodotti del risparmio gestito: il saper guadagnare...  

Dettagli...

Neural Trading

Le reti neurali al servizio del trading.
Il confronto con le tecniche
tradizionali. La composizione
di un trading system che...

Dettagli...

Pensare
Dio

Un'introduzione storica
alla filosofia della religione

di Linda Trinkaus Zagzebski, tradotto da Edoardo Varini...

Dettagli...

Il Trading Online

Storia, personaggi e servizi della negoziazione telematica di titoli finanziari. VOL. 1 Dallo Sputnik al World Wide Web...

Dettagli...