Navigando in questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni. OK, ho capito.

La chiamano Quarta Rivoluzione industriale, ma non ha nulla della rivoluzione: i regnanti saranno ancora più forti

Hanno chiamato "4.0" l'Industria seguita alla Grande Recessione, quella della "Quarta Rivoluzione industriale", ma non fatevi trarre in inganno: stiamo andando indietro, non avanti. La direzione dei gamberi, ma con la velocità dei ghepardi.

Tratti distintivi dell'Industria 4.0 sarebbero nuove tecnologie – come cloudaugmented realitysimulation, integrazione orizzontale e verticale, big datacyber security –  e la crescente precarizzazione del lavoro, cosette che in sinergia sapranno farci perdere nel giro di pochi anni 7 milioni di posti di lavoro per guadagnarne 2. Un affarone.

Ma evitare un futuro troppo nebuloso (cloudy, in inglese) non fa parte degli interessi degli strateghi pseudorivoluzonari assoldati dai re, e dunque avanti a testa bassa, come neanche l'uomo del paleolitico.

I governanti ci vorrebbero entusiasti per la ripresa del manifatturiero, ma noi non ci siamo dimenticati che abbiamo solo riagguantato i livelli del 2007 e che l'Italia, nel 2005 quinta potenza manifatturiera mondiale, ora è slittata al settimo posto, superata dalla Corea del Sud e dall'India.


alt


È stato pronosticato che nel 2020 le avanzatissime tecnologie che abbiamo citato consentiranno agli Stati Uniti di riacciuffare il titolo di Paese manifatturiero più competitivo al mondo, sottratto nel 2010 dalla Cina.

Io non lo credo, sostanzialmente non credo che i balzi manifatturrieri possano derivare da gap tecnologici, giacché quand'anche esistessero, verrebbero colmati nel giro di mesi, un anno forse?

Ma in fondo è la solita storia dell'Occidente che non riesce a sbarazzarsi della convinzione di essere intellettualmente superiore, malgrado negli ultimi decenni abbia preso più bastonate di Arlecchino servitore di due padroni.

E pensa di recuperare qualitativamente quanto ha perso quantitativamente. Ma l'economia è fatta dalla domanda e la domanda è un fatto quantitativo. Pensiamo davvero che bastino i brevetti? 

La crescita è fatta principalmente dalla domanda interna e la domanda interna si sviluppa soltanto se i redditi sono adeguati al costo della vita e certi.

Peccato si stia andando nella direzione opposta. C'è chi è stato contento del low cost, senza nemmeno capire che se crollava il prezzo dei biglietti aerei era soltanto per permettergli di volare anche da povero.

Ho letto che le assistenti di volo Ryanair devono vendere ai passeggeri profumi e "gratta e vinci". Che la reperibilità non è remunerata. Che gli stipendi sono da fame.

Penso a tutti i plutocrati che si leccano i baffi, e che già stanno pensando agli aromi giusti per infornaci. E penso a quanta inconsapevolezza ci vuole per non capire che la lotta di classe – non più padrone/operaio, è chiaro, bensì ricco/sfruttato (molti dei plutocrati attuali non hanno nemmeno il rischio di impresa) – è finita solo perché è stata vinta dai più agiati.

Se pialli lo spirito rimane la materia. Rimane il soldo. E la vita diventa l'appagamento di bisogni perpetuamente rinnovati.  E per appagarli occorrono sempre più soldi. E tu non li hai ed allora li chiedi: l'invenzione della carta di credito è stata probabilmente il verme nella mela.

Dicono gli uomini pensino al sesso decine di volte al giorno. Forse un tempo. Ora uomini e donne pensano ai soldi, ma a quelli che non hanno. O al sesso a pagamento, che è sempre un pensare prima ai soldi. E se sei italiano e la sventura di non esser dipendente stai a contare i giorni prima che il fisco ti spolpi e rigetti sulla spiaggia come il Leviatano. E guardi la casetta che ti dovrebbe comunicare una minima sicurezza. E pensi che prima o poi si rivaluterà. Che è sempre stato così. Ma questa volta non sarà così. 

Il seguente dialogo lo scrisse Vasco Pratolini in Cronache di poveri amanti, che descrive la vita dei proletari fiorentini negli anni Venti tra Palazzo Vecchio e Santa Croce, in via del Corno. 

«Sicché sei disoccupato!».

Egli era tutto compreso della presenza di lei, e ne seguiva l'umore con la condiscendenza di un ragazzo che sta entrando in amicizia con una fanciulla che gli piace e che gli si confida. Disse: «Domani entro a lavorare in uno studio d'avvocati. Mi danno trenta lire la settimana».

Ella lo guardò, sorpresa: «Ma il commesso di studio non è mica un mestiere! Quando sarai grande, poi, cosa farai?».

E candidamente egli disse:

«Da grande il mio sogno è fare l'aviatore.

Sembra scritto oggi. La differenza è che oggi ti sottopagano anche a fare l'aviatore. 

 

Io ti lancio in testa un missile. Ed io ti rado al suolo la nazione. Non è più il mondo, è l'Universo Marvel


Ragazzi, il posto in cui il presidente degli Stati Uniti può dire nel suo primo intervento all'Assemblea Generale dell'Onu all'Uomo razzo (Rocket man) – il dittatore nordcoreano Kim Jong Un – «Se saremo costretti a difendere noi stessi o i nostri alleati non avremo altra scelta che distruggere totalmente la Nord Corea» – non è più il mondo che noi conosciamo è l'Universo Marvel.

A parte il nome da fumetto, Rocket Man, è proprio il concetto di distruzione totale di un Paese che fa capire che si è perduto il senso della realtà. Spero vivamente solo a parole.

Ora, è piuttosto evidente che scopo del dittatore nordcoreano non è colpire gli Stati Uniti ma sputtanarli, perdonate il termine ma "screditare" non rendeva altrettanto, con l'evidente supporto di Russia e Cina, cui non par vero di far capire al mondo che la superpotenza americana è ormai poco più temibile di uno spaventapasseri.


alt


Se un piccolo folle uomo – ma solo all'apparenza folle – può irridere la più grande potenza militare del pianeta, significa che navi, aerei, missili, carri armati, sommergibili e forze speciali e millanta e uno fanti non valgono che da deterrente.

Se ci provi davvero, a sfidare il poliziotto del mondo, sbanchi. Più o meno come il bullo del quartiere con Charlot poliziotto.

Perché la guerra come distruzione totale di un Paese non esiste più. La guerra si è frammentata, come tutto. È per questo che si dicono i paroloni, si fa la voce grossa. Perché tanto non seguiranno i fatti. Lo fa Kim Jong e lo fa Donald Trump. Lo fanno tutti. Lo fa in sedicesimo Beppe Grillo che vuole mangiare per poi vomitare i giornalisti.

Tanto è tutto un grande puzzle che non è che sia incomponibile, è che se lo fai – se ci provi e ci riesci, a comporlo – ne risulta un'immagine incomprensibile.

A furia di prendere a calci l'ordine il disordine è arrivato. Non credo per servirci, è arrivato e basta.

E se qui è un gran casino il problema è di quelli insormontabili, perché «Marte non è un buon posto per crescerci i bambini», come canta Elton John in Rocket Man, per l'appunto.

A presto. 

Edoardo Varini

(20/09/2017)

 

Da Piazza Maggiore ad una nuova destra

di Edoardo Varini

Della Lega, del disastroso governo, del dovere civile.
Dettagli...

I grandi investitori

Non si diventa grandi investitori senza essere grandi uomini: è questo è il primo messaggio che ricaviamo dalla lettura del...

Dettagli...

Trattato di money management 

Il money management come scienza. Sapere quanto puntare. Per preservare... 


Dettagli...

Di virtù lira sonante

La massoneria nella sua
storia è riuscita a mettere in
comunicazione fra loro saperi, cultura...


Dettagli...

Trading Moderno

Questo libro tratta delle
due seguenti tematiche:
l’utilizzo di tecniche tradizionali “potenziate” da particolari...

Dettagli...

Candlestick Day Trading

È ideale sia per i neofiti,
sia per i trader già affermati
e i numerosi esempi, semplificano quanto
descritto con le parole...

Dettagli...

Uomini di Trading

Storie di vita e di borsa di due trader professionisti.





Dettagli...

Trading in Opzioni

L’ultimo decennio borsistico ha evidenziato il limite principale di gran parte dei prodotti del risparmio gestito: il saper guadagnare...  

Dettagli...

Neural Trading

Le reti neurali al servizio del trading.
Il confronto con le tecniche
tradizionali. La composizione
di un trading system che...

Dettagli...

Pensare
Dio

Un'introduzione storica
alla filosofia della religione

di Linda Trinkaus Zagzebski, tradotto da Edoardo Varini...

Dettagli...

Il Trading Online

Storia, personaggi e servizi della negoziazione telematica di titoli finanziari. VOL. 1 Dallo Sputnik al World Wide Web...

Dettagli...